Pesche sciroppate e panna

Pesche sciroppate e panna

Pesche sciroppate e panna

Tempo 10 minuti + il riposo; facile

Ingredienti per 4 porzioni

  1. 12 scatola grande di pesche o albicocche sciroppate
  2. 50 g zucchero di canna
  3. 50 g di mandorle a scaglie
  4. 2 arance
  5. 1 tazza di panna montata
  6. 50 g di cioccolato a scaglie
  7. 16 cucchiai di porto

Ricetta pesche sciroppate e panna

  1. Scolate le pesche dallo sciroppo, disponetele in una ciotola che le contenga;
  2. irroratele con il porto e il succo di arancia, distribuitevi sopra metà delle scaglie di mandorle e  poi lasciatele  in frigo per 1/2 ora mescolando ogni tanto.
  3. Dividetele poi in 4 coppette uguali, cospargetele con lo zucchero e distribuitevi sopra il succo in cui sono state immerse, le rimanenti scaglie di mandorle, la panna montata e le scaglie di cioccolato.

Naturalmente nel periodo estivo conviene usare frutta fresca.

Questa ricetta di pesche sciroppate e panna è una variante della ” Pesca Melba” che prevede l’uso di frutta fresca, marmellata di lampone e gelato di vaniglia.

Informazioni su origini e preparazione della Pesca Melba tratte da Wikipedia:

La data di creazione trova molte fonti discordanti[2]. Tutte concordano sul fatto che il piatto fu creato in onore della cantante lirica australiana Nellie Melba(il cui vero nome era Helen Porter Mitchell), che si era esibita più volte a Covent Garden fra gli anni Novanta dell’Ottocento e l’inizio del Novecento[3], che Escoffier aveva avuto certamente l’occasione di servire in uno dei ristoranti presso cui lavorava, e della quale conosceva quindi la predilezione per pesche e lamponi, come pure per il gelato di vaniglia.

Gli ingredienti sono solo pesche tenere e mature (possibilmente fresche, altrimenti sciroppate), purea zuccherata di lamponi (o altri frutti di bosco) e gelato alla vaniglia[4]. Il dessert viene realizzato macerando le pesche in casseruola nello sciroppo di zucchero, poi, una volta lasciate raffreddare nello sciroppo, pelandole e dividendole in due parti, privandole del nocciolo (se non è già stato fatto), e infine adagiandole in una coppetta su di un letto di gelato alla vaniglia facendo in modo che la parte tagliata della pesca sia rivolta verso il gelato. A questo punto le pesche vengono ricoperte con la purea setacciata di lamponi (o una marmellata, se non si hanno frutti di bosco freschi). Si può decorare ulteriormente con panna montata o con mandorle fresche in scaglie (altrimenti tostate in forno con zucchero semolato) o con un poco di zucchero filato.

(Visited 208 times, 1 visits today)

Lascia un commento